Analisi delle urine gatto si può capire se e’ IRC? Sì

Analisi delle urine gatto
Condividi se ti piace questo sito!
  • 1
    Share

Spesso mi chiedono se solo dalle Analisi delle urine gatto si può capire se è IRC o se si può monitorare nel tempo la patologia. Rispondo di sì, (almeno sui miei gatti ci riesco e non ho mai sbagliato) – solo con le analisi il più delle volte monitoro nel tempo la progressione dell’IRC associando sintomatologia e effettuando a casa un controllo settimanale con le strisce reattive.

Analisi delle urine gatto

Le analisi di laboratorio anche una volta al mese perchè la patologia è subdola e possono subentrare infezioni e infiammazioni. Sono proattiva!

I motivi che mi spingono a monitorare l’andamento dell’IRC con le analisi delle urine sono spiegati sotto:

Analisi delle urine è un esame non invasivo e poco costoso e il gatto non si stressa

Dal peso specifico e da quante urine giornaliere posso capire se l’irc è sotto controllo

Se si riscontra sangue nelle urine è probabile che vi sia forte infiammazione/infezione e in quel caso occorre agire in fretta per evitare uno scompenso e danno renale acuto sul cronico.

Rapporto PU/CU

La presenza di proteinuria renale è un indicatore importante per determinare la progressione e l’aggravamento dell’insufficienza renale cronica.

Analisi delle urine gatto Capire se c’è un problema renale

Analisi delle urine nel gatto, test utile per diagnosticare: cistiti calcoli, PKD, CKD Insufficienza renale acuta o cronica, test che rileva i valori come il PH urinario, peso specifico, perdita di proteine, rapporto PU/CU, glucosio nelle urine e batteri.

Peso specifico

Parametro molto importante che  permette di capire quanto i reni sono in grado di concentrare le urine.

I Gatti con i reni sani sono in grado di produrre urina concentrata intorno 1030-1050, al contrario se l’urina è troppo diluita indica una patologia renale o diabete.

Globuli rossi (ematuria)

Anche i globuli rossi non devono essere presenti nelle urine, indicano infiammazione, malattie, traumi, difetti della coagulazione, calcoli, cistite e tumore, nefrite.

Rapporto proteinuria – creatininuria (PU-CU)

Posso verificare dalla proteinuria renale la progressione e l’aggravamento dell’insufficienza renale cronica.

Il rapporto urinario proteine/creatinina (Urine Protein Creatinine, UPC) misura la proteinuria in modo quantitativo e permette di valutare il danno renale. La presenza di proteinuria renale è un indicatore importante per determinare la progressione e l’aggravamento dell’insufficienza renale cronica.

Attenendosi alle nuove direttive IRIS (Internatonal Renal Interest Society) vengono classificati cani e gatti:

non proteinurici (PU/CU < 0,2)

proteinurici borderline (PU/CU tra 0,2 e 0,4 nel gatto, e tra 0,2 e 0,5 nel cane)

proteinurici (PU/CU > 0,4 nel gatto e > 0,5 nel cane) – Il rapporto PU/CU deve essere valutato insieme al peso specifico delle urine.

Analisi delle urine gatto