IRC gatto Ultimi stadi il mio kit naturale (base)

IRC gatto Ultimi stadi
Condividi se ti piace questo sito!

IRC gatto Ultimi stadi di seguito spiego come gestisco in linea generale l’insufficienza renale nel gatto (3-4 stadio).

Rimedi naturali funzionali di supporto in corso di IRC/CKD

Info generali che applico ai miei animali da diversi anni e che potrebbero non essere indicati per il tuo gatto/cane

Negli ultimi tempi diversi utenti sul web grazie alle mie “sperimentazioni” consigliano di provare qualche rimedio letto sul sito Elicats.it o sul forum.

Attenzione: l’eziologia della malattia renale è multifattoriale, confrontati sempre con il veterinario.

Le informazioni presenti in questo articolo sono frutto di esperienza personale e diretta acquisita in 10 anni di studi e pratica e che applico generalmente ai miei animali, sconsiglio il fai da te.

IRC gatto Ultimi stadi

IRC gatto Ultimi stadi

 


L’International Renal Interest Society (IRIS) CLASSIFICA l’insufficienza renale cronica nel gatto in quattro stadi: il terzo e il quarto stadio sono considerati fasi finali e terminali della malattia, i reni sono molto compromessi e non riescono più a filtrare le tossine.

Stadio III: i sintomi sono: inappetenza, disidratazione aumento della quantità di urina prodotte, aumento della sete, dimagrimento, pelo a mazzetti, il gatto è più soggetto a sviluppare infezioni urinarie, l’animale è letargico e anemico.

Stadio III: i valori del sangue e il test SDMA

Creatinina 251 – 440 micromol/l (2.9 – 5.0 mg/dl) Moderatamente insufficiente

Azotemia: moderata

Proteinuria  > 0,4

Ipertensione 160–179

Stadio IV – ai sintomi sopra descritti si aggiungono i sintomi tipici dell’uremia: gastrite uremica, stomatite, i livelli del fosforo sono alti, subentra acidosi metabolica.

Stadio IV: i valori del sangue e il test SDMA

Creatinina >440 micromol/l (>5.0 mg/dl) Gravemente insufficiente

Azotemia: molto alta

Proteinuria  > 0,4

Ipertensione Grave ≥180

IRC gatto Ultimi stadi Cure naturali

Integratori indispensabili da discutere con il veterinario 😉 per alleviare sintomatologia 3 e 4 stadio

Probiotici nell’IRC/CKD

Nell’articolo Stadio 1-2 ho scritto dell’importanza della dialisi enterica da effettuare con i probiotici, perchè scelgo il Vivomixx. (spiego qui)

Protocollo Heel – SUC terapia

Il Protocollo Heel dal terzo stadio in poi deve essere modultato e “cucito” sul paziente felino, in base alle analisi e alla sintomatologia, lo schema standard potrebbe non essere sufficiente.

Iperfosfatemia:

Scegliere un chelante del fosforo come il Chitosano che aiuta a ridurre tra l’altro pure l’azotemia e Creatinina.

Meristemo 22

Gli estratti vegetali embrionali contenuti in Meristemo 22 hanno la finalità di drenare e depurare con particolare tropismo per il sistema renale.

Cordyceps (micoterapia spagirica)

La micoterapia spagirica è un tipo di terapia che deve essere valutata quando occorre intervenire in situazioni patologiche gravi e complesse come i tumori o alterazioni del sistema immunitario, nelle patologie autoimmuni o nelle malattie metaboliche. I funghi medicinali sono formulati per garantire un’elevata efficacia nel trattamento, perchè è bene ricordare che il prodotto spagirico è un prodotto vivo. Cordyceps

Stadio 4 IRC gatto con valori molto alti di azotemia creatinina fosforo

Se il tuo gatto è in STADIO IV dell’insufficienza renale cronica ed è  in acidosi metabolica con forte nausea, gastrite uremica, valori molto alti di BUN e CREA parlane subito con il veterinario. Solo con la fluidoterapia in vena si può aiutare il gatto a condizione che ci sia ancora una minima funzionalità renale. (*la fluidoterapia in vena è sconsigliata in corso di forte anemia).

La fluidoterapia in vena mira a ristabilire l’equilibrio acido-basico. Il veterinario verificherà di infondere elettroliti e bicarbonati necessari per aiutare l’animale a superare l’acidosi.

kPROTECT con i suoi componenti molto purificati (Bicarbonato di Sodio, Carbonato di Calcio e Chitosano) può essere utile nel controllo dell’acidosi metabolica e dell’ipocalcemia, che sono frequentemente diagnosticate nelle fasi avanzate della CKD del cane e del gatto. Il Carbonato di Calcio ha una dimostrata efficacia nel controllare l’ipocalcemia. Il Bicarbonato di Sodio è efficace nel controllare l’acidosi metabolica. Il Chitosano può aiutare a migliorare l’iperazotemia negli animali affetti da CKD. kPROTECT è raccomandato, associato a una dieta per nefropatici e mescolato al cibo, nei cani e nei gatti affetti da malattia renale cronica che presentino iperazotemia, acidosi metabolica e/o ipocalcemia. E’ raccomandato, associato a una dieta per nefropatici e mescolato al cibo, nei cani e nei gatti affetti da malattia renale cronica che presentino iperazotemia, acidosi metabolica e/o ipocalcemia.

Nelle fasi avanzate della malattia (STADIO III/IV) si tende ad avere il potassio basso e il veterinario potrebbe giustamente consigliarti un nutraceutico con potassio, purtroppo questi prodotti di solito non sono appetibili, anzi hanno un saporaccio! (qualche volta assaggio) quindi se vuoi una valida alternativa economica e che serve anche per controllare la stitichezza aggiungi LA ZUCCA al cibo preparato in casa o al pet-food, puoi leggere la mia ricetta qui.

Un tasso molto alto di potassio può causare gravi problemi cardiaci
Bassi livelli di potassio possono invece far sviluppare l’acidosi metabolica


Disclaimer: I Contenuti Sono Solo A Scopo Informativo E In Nessun Caso Possono Costituire La Prescrizione Di Un Trattamento O Sostituire La Visita Specialistica O Il Rapporto Diretto Con Il Proprio Veterinario/Medico.  Tutte Le Informazioni Qui Riportate Derivano Da Fonti Bibliografiche, Esperienze Personali E Studi Clinici Di Dominio Pubblico. Tutte le informazioni su diete speciali e integratori alimentari per animali domestici, sono a scopo informativo. Queste informazioni servono come linea guida generale, non possono essere applicate a tutti gli animali domestici o considerate come alternative a una consulenza professionale.  In queste pagine sono inseriti “Preparati omeopatici di efficacia non convalidata scientificamente e senza indicazioni terapeutiche approvate.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *